Deprecated: Function create_function() is deprecated in /var/www/clients/client1/web16/web/wp-content/plugins/youtube-channel-gallery/youtube-channel-gallery.php on line 1223

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /var/www/clients/client1/web16/web/wp-content/themes/jupiter/framework/includes/minify/src/Minifier.php on line 227

Deprecated: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in /var/www/clients/client1/web16/web/wp-content/plugins/js_composer_theme/include/classes/core/class-vc-mapper.php on line 111
Arzilla con Milan e Juventus: che cos'è lo UEFA Playmakers Programme

Milan, Inter, Juventus, Roma, Napoli, Hellas Verona, Lecce, Pordenone, Ravenna, Arzilla. Sono questi alcuni dei club italiani in campo per il UEFA Playmakers Programme, primo progetto a livello europeo dedicato alle bambine in collaborazione con Disney. Davvero un importante riconoscimento per la società del presidente Gianni Manieri, che con altri 29 club italiani andrà a comporre un mosaico di vitale importanza per la promozione del calcio femminile nella fascia 5-8 anni. “Attraverso l’avventura, la narrazione e l’immaginazione e un’idea di allenamento basata sulle storie Disney e sui suoi personaggi più famosi, Playmakers mira a promuovere uno stile di vita sano e attivo per appassionare ed entusiasmare le bambine ed avvicinarle al gioco del calcio“, si legge sul sito della FIGC.

Playmakers si basa su un approccio giocoso e divertente alla pratica sportiva, nel segno di sessioni di allenamento basate sui successi Disney “Gli Incredibili 2” e “Frozen 2”. Per questo, oltre a un’esperienza sportiva senza precedenti, il progetto sposato anche da Arzilla propone un avviamento al gioco del calcio divertente e sicuro, attraverso le storie Disney. Il tutto nell’ottica di una nuova metodologia che ha nella ricerca della Leeds Beckett University il proprio cardine. I ricercatori in questo senso hanno esaminato le motivazioni delle bambine alla pratica sportiva, osservando che con un approccio incentrato sul divertimento, sul lavoro di squadra e sull’amicizia, ma soprattutto sulle necessità specifiche delle bambine, giovani calciatrici e le loro famiglie possono trovare nel calcio lo sport giusto. 

Playmakers, si legge sul sito FIGC, “ha come obbiettivo quello di contribuire allo sviluppo del calcio femminile ed è inserito nelle strategie promosse in tale ambito dalla UEFA“. Per questo sono più di i 70 membri degli Staff FIGC-SGS in tutta Italia che hanno già seguito un percorso di formazione specifico sulla metodologia Playmakers grazie al supporto dei Coach Educators SGS, i quali hanno già preso parte al corso UEFA.

Recommended Posts

Start typing and press Enter to search